• NOTIZIE
  • TRASPARENZA
  • Organization Chart
  • Bodies
  • Functions
  • Contacts
  • History of the Games and Editions
  • Participating Countries
  • Taranto Candidature
  • PRESS REVIEW
  • Sports
  • Calendar
  • Calendar for Test Events
  • Sports Venues
  • Masterplan
  • NEWS

    Grandi eventi

    A Taranto il collegiale degli azzurri di volley, chiuso da un quadrangolare con Olanda, Tunisia e Giappone

    June 21, 2023

    Dal 27 giugno al 6 luglio nuovo test-event per i XX Giochi del Mediterraneo, organizzato dal Comitato Ta2026 in collaborazione con la FIPAV.
    Il Ct Fanizza: ”Un test importante, felici di venire a Taranto”

    Nuovo grande evento sportivo a Taranto, e nuovo test-event per i XX Giochi del Mediterraneo del 2026. Dal 27 giugno al 7 luglio il capoluogo ionico ospiterà infatti un collegiale con la Nazionale maschile di volley guidata dal coach Vincenzo Fanizza, che parteciperà alle prossime XXXI Universiadi di Chengdu in Cina. Negli ultimi giorni del collegiale – dal 4 al 7 luglio – si svolgerà un quadrangolare internazionale che vedrà impegnati gli azzurri e le Nazionali di Olanda, Tunisia e Giappone, con gare al PalaMazzola e al palasport di Francavilla Fontana. La manifestazione – che consolida le basi per fare del territorio un punto di riferimento della Federvolley per ulteriori eventi internazionali – è curata dal Comitato organizzatore Taranto2026 in collaborazione con la FIPAV, presieduta da Giuseppe Manfredi.

    Il collegiale sarà un nuovo test-event per il Comitato Taranto 2026, che ancora una volta muove la macchina organizzativa sotto il profilo della logistica, dei trasporti e dell’accoglienza anche grazie al prezioso lavoro dei volontari, della federazione regionale e provinciale FIPAV e del Comune di Taranto.

    Organizzare test-event per le varie discipline sportive presenti ai Giochi del Mediterraneo è indispensabile sia per formare i gruppi di lavoro nell’ambito del Comitato Organizzatore, sia per reclutare e formare i volontari che collaborano con l’organizzazione, sia per promuovere i XX Giochi del Mediterraneo Taranto 2026. L’obiettivo del Comitato organizzatore è coinvolgere le varie Federazioni sportive nazionali e regionali per iniziare a testare gli impianti sportivi sedi della manifestazione olimpica, coinvolgere i Comuni inseriti nel Masterplan dei Giochi, la popolazione giovanile, condividere i valori sportivi e di aggregazione, promuovere anche il territorio di Taranto è alla base dello sforzo organizzativo.

    Queste le parole del tecnico azzurro Vincenzo Fanizza: “Siamo molto felici di raggiungere Taranto per questo importante ritiro. Tra l’altro per me è la prima volta che vengo in Puglia con la nazionale maschile. Sarà un periodo di lavoro cruciale e sarà di fondamentale importanza testare le condizioni degli atleti in vista delle Universiadi, quest’estate in Cina. Questo collegiale di Taranto rappresenta una grande occasione sia per il gruppo squadra, sia per la regione stessa. A Bari infatti si giocheranno ottavi e quarti di finale dei prossimi Campionati Europei, quindi questa nostra presenza penso possa far da traino a livello promozionale per la nazionale di Ferdinando De Giorgi. Il collegiale e il torneo, inoltre, aiuteranno anche il territorio in proiezione della XX edizione dei Giochi del Mediterraneo, che si terrà proprio a Taranto nel 2026”.

    Quanto al quadrangolare, “sarà importante – conclude – anche per vedere a che punto sono sia i ragazzi partiti per la Volleyball Nations League, sia gli atleti che sono stati con noi nei precedenti ritiri. Avere dunque il gruppo al completo penso rappresenti un fattore molto importante, ci permetterà di lavorare in modo completo. Sinceramente sono fiducioso perché i ragazzi si stanno allenando molto bene. Abbiamo iniziato a maggio con un gruppo allargato e con il nostro direttore tecnico Fefè, insieme a Massimo Caponeri, abbiamo lavorato in modo molto intenso. Mi aspetto di vedere delle buone cose da un gruppo di ragazzi che ha già un bagaglio d’esperienza non indifferente. Taranto ci aspetta e noi non vediamo l’ora di arrivare”.